.

20 aprile 2016

IL PROFUMO: EAU DE RHUBARBE ÉCARLATE di HERMÈS


HERMÈS
EAU DE RHUBARBE ÉCARLATE
 Les Colognes
Eau de Cologne
Novità 2016





Tra una fragranza e chi la indossa corre un silenzio fatto di infinite parole, è un momento di intesa profondo che mette in relazione corpo e anima, materia e spirito, presenza e assenza. E' l'intimità con un odore, anche solo sommessamente percettibile, una scia profumata lievissima da rincorrere per scoprirne nome e segreti, un risveglio sensuale che abbraccia la mente e spinge i tentacoli del piacere nel cuore e ancora giù, più in fondo, nelle pieghe cavernose dell'anima dove la magia si nasconde e si concede interamente. Fino a lì, fino a quel punto va inseguita la meraviglia che profuma, va inalata e trattenuta profondamente e se lì rimane è fatta nostra. Per molto, forse per sempre.
Ed è uno splendido dialogo tra materia e colore, una narrazione intensa che Hermès oggi arricchisce con una nuova pagina olfattiva. La famiglia delle Colognes si espande sulle fresche e imprevedibili note di Eau de rhubarbe écarlate. Per Christine Nagel, alla sua prima prova compositiva di un profumo della Maison, ideare o indossare un profumo significa "toccare l'impalpabile con un gesto intimo, lasciare tracce che non mentono".
Nella creazione di Eau de rhubarbe écarlate entra in gioco una freschezza nuova, inedita nei suoi accordi, più audace, dalla traccia più vegetale che esperidata. La nuova Eau de cologne si concede nella sue veste più tenacemente strutturata, intrisa di accenti moderni ed offre una sensazione di soave freschezza evocando un cespo di rabarbaro il cui aroma è percepito e gustato in giardino, prima che l'ortaggio venga colto. 
«Quando i gambi del rabarbaro vengono lavorati – spiega Christine Nagel – quando si riproducono gesti semplici e ancestrali, l’odore si manifesta all’improvviso. Ho sempre amato la dualità del rabarbaro. Un dualismo duplice: visivo e olfattivo. Il suo colore verde si trasforma in rosso, l'odore acidulo e croccante diventa soave e vellutato». 
Così come un pittore o uno scultore insistono nella ricerca del dettaglio per esaltare una forma, Christine Nagel ha liberamente plasmato la materia, amplificandone i tratti con incisioni olfattive audaci. Il rabarbaro si è fatto sensuale e delicato, sublimato con una grazia tale da trasmettere un sentore di raffinato muschio bianco. Una sorprendente vivacità, un'infusione di freschezza totalmente originale, dalla luminosa evidenza, inaspettatamente accattivante nella sua dicotomia olfattiva verde e rossa, pungente e croccante, fiero nell'esprimere la dolcezza della materia cruda e la tenerezza del rabarbaro cotto. Un'esperienza incredibilmente affascinante.
Creata da Christine Nagel.
La straordinaria interpretazione Hermès dello stile Cologne, tra sensibilità artistica e savoir-faire artigianale, si declina in Eau d’orange verte, Eau de pamplemousse rose, Eau de gentiane blanche, Eau de narcisse bleu e Eau de mandarine ambrée, cui si aggiungono oggi le nuove Eau de néroli doré e Eau de rhubarbe écarlate.
Eau de Rhubarbe Écarlate è presentato nella concentrazione Eau de Cologne nel formato splash o vapo da 100ml, 200ml e nel vapo nomade da 15 ml (coffret con 4 pz. da comporre) ed è completato dalla Collezione Bagno composta da Baume hydratant visage et corps 200 ml, Gel douche corps et cheveux 80 e 200 ml, Gel moussant mains et corps 300 ml, Savon parfumé 100 gr (coffret con 3 pz da comporre). Disponibili nelle Boutique Hermès, sul loro sito e in profumerie selezionate.
©thebeautycove



L'arte del profumo secondo Hermès
L'avventura di Hermès ha inizio nel 1837 quando Thierry Hermès, artigiano specializzato in finimenti, apre il suo laboratorio a Parigi. Presente nella storia della Maison fin dagli anni Trenta, l'arte del profumo evolve in sintonia con gli altri mestieri della Maison.
E' nel 1951 che l'avventura olfattiva debutta a pieno titolo con Eau d'Hermès, creata da Edmond Roudnitska. Da allora si sono avvicendate le creazioni dei più grandi maestri della Profumeria che hanno dato il loro contributo all'impegno di Hermès nella Parfumerie di mestiere sia in campo artigianale che artistico. Nel 2004 Jean-Claude Ellena diventa il creatore-compositore esclusivo Hermes e pone la sua firma sulle nuove pagine olfattive della storia profumata della Maison. La sua libertà compositiva sposa quella del brand puntando a valorizzare in ogni creazione un savoir-faire che pone l'artigianalità, l'originalità, la fantasia rigorosa al centro della sua ricerca.
Nel 2014 Christine Nagel, creatrice di fragranze, si unisce ad Hermès per ideare future composizioni. Nello stesso anno il capitolo fragranze viene arricchito con le novità: Le Bain Hermès (saponi, gel, latti, creme per un esclusivo rituale bagno) e Le Parfum de la Maison spazio olfattivo per l'intimità domestica.
Nella biblioteca delle fragranze Hermès, ogni creazione, ogni oggetto legato alla profumazione racconta una storia, schiude un immenso immaginario.
Parfums - Romans
Racconti ricchi di immagini ed eventi ispirati al patrimonio Hermès con i "classici" Calèche, Amazone, Équipage, Bel Ami oppure i "nuovi romanzi" Eau des Merveilles, Terre d'Hermès, Voyage d'Hermès, Jour d'Hermès.
Parfums - Nouvelles
Racconti brevi che racchiudono il piacere di un istante. Passeggiate olfattive per una nuova geografia sensoriale come i Parfums-Jardins e le Colognes.
Parfums- Poèmes
Sobri e intensi come haiku, reinventano una natura essenziale e preziosa, una scrittura olfattiva inedita come nella collezione Hermessence, dove le materie sono citate in modo diretto, al servizio di sensazioni ineffabili.
Rêveries
Pensieri liberi e vagabondi che si diffondono in tutta la casa, un dialogo immaginario tra aria e materia. Cinque Rêveries in forma di coppe portacandela in tre differenti misure aprono la collezione: Des pas sur la neige, Fenêtre ouverte, Temps de pluie, Champ libre, À cheval!





13 commenti:

  1. stella20/4/16

    stupenda e molto insolita credo la comprerò

    RispondiElimina
  2. Anonimo20/4/16

    sulla mia pelle diventa un po' acidulo ma è molto particolare come colonia

    RispondiElimina
  3. sirya20/4/16

    bellissimo splash lo trovo molto adatto alla primavera e al periodo caldo cmq

    RispondiElimina
  4. Anonimo20/4/16

    è il primo hermes che fai vero? io amo caleche

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non proprio, calèche splendida fragranza di Guy Robert del 1961!! un classico da possedere!

      Elimina
  5. bellissime le loro colonie questa mi incuriosisce per la mancanza di agrumi......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è la particolarità che la rende interessante.

      Elimina
  6. Anonimo21/4/16

    quality at its best as usual

    RispondiElimina
  7. Anonimo21/4/16

    extra le foto!!

    RispondiElimina
  8. gorgs pics very Hermy

    RispondiElimina
  9. mirna pavan22/4/16

    stupenda una colonia diversa dalle altre! bellissimo il tuo blog

    RispondiElimina