.

11 marzo 2016

IL PROFUMO: SUPER CEDAR di BYREDO






BYREDO
SUPER CEDAR
Eau de Parfum
Novità 2016


Ce l'avete voi un albero amico? Uno di quelli con la corteccia robusta e rassicurante che viene sempre voglia di abbracciare, uno frondoso che ti accoglie e protegge nella sua ombra. Uno da scarabocchiare, da inciderci cuori e iniziali e frecce che mai andranno a segno e date per qualsiasi amore e ricorrenza. Uno che ti segue nel tragitto verso casa e uno che ti aspetta e quando lo incroci sei ad un passo dalla tua serenità. Uno che ti regala frutti rossi e foglie verdi che i colori belli della vita sono dipinti dalla semplicità, un altro più vanitoso che ti sbatte in faccia lo splendore dei suoi fiori e uno più mistico, pensoso, nascosto, che cela mille segreti tra resine e aghi. Uno che ti guarda leggere, mangiare, saltare, pensare, ascoltare, annusare. Sognare. E uno che hai piantato tu seguendo un'usanza antica giapponese, ad ogni nascita di bimbo si piantava un albero, l'albero della vita, e quando il bambino raggiungeva l'età della ragione lo si portava a vederlo e gli si diceva saggiamente: "guarda, questo è il tuo albero abbine cura, se l'albero cresce bene diventerai grande con lui". Piantare un albero significa credere nella vita, dare radici ad un sogno.
Sfogliando le note odorose di Super Cedar, l'ultima fragranza Byredo ho ricomposto la magica, sorprendente grandezza degli alberi, si è affacciata alla mente un'immagine di Ansel Adams, il grande fotografo americano, che ritrae alberi fissandoli nelle loro vertiginose dimensioni, fuori da tempo e spazio, in un'atmosfera silenziosa, profonda e solenne. L'albero totem come segno di vitalità essenziale che infonde stupore e rispetto, amore e gratitudine e insegna ad apprezzare la grandezza di una natura coraggiosa e magnanima che tutto nutre e possiede.
Il nuovo jus di Byredo ha questa supremazia odorosa, è straordinario nella sua essenzialità, a tratti scarno e asciutto è pura evocazione del legno, trattiene la ruvidezza della corteccia, la linfa vitale che scorre nel tronco dalle radici all'ultimo dei rami e la luminosità ampia e verticale della sua chioma.
Una purezza olfattiva che genera energia, vitalità, armonia, spazia curiosa nella memoria per riportare in superficie certe sfumature agrodolci legate all'infanzia, i banchi della scuola, la piccola cartoleria dove trascorrevi i pomeriggi tra gli aromi caldi degli alti scaffali e dei banconi in legno massiccio mescolati all'odore dell'inchiostro, dei pennini in metallo, di matite colorate e lapis da temperare all'infinito, di libri e quaderni di carta ruvida rilegati con il filo, dei sacchettini con bonbon di zucchero e liquirizia.
Chiara e nostalgica, con un calore proprio ben definito che apre alla condivisione e al piacere di un contatto diretto con gli elementi naturali, la fragranza si palesa superbamente in una folata di petali di rosa a circondare un cuore boisé energico, intenso, aromatico con cedro della Virginia e, devota, si scioglie nelle ampiezze odorose assolute e confortanti del vetiver haitiano e del muschio.
Creata da Jérôme Epinette.
Disponibile nel formato Eau de Parfum 50 e 100 ml. In profumerie selezionate, nei Bar à Parfum Olfattorio e sul loro sito, da Marzo 2016.
©thebeautycove





15 commenti:

  1. marcello11/3/16

    bellissimo...

    RispondiElimina
  2. Anonimo11/3/16

    ma vale la pena l'acquisto? sono titubante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non posso dirti se ti piacerà o no. posso consigliarti di sentirlo e provarlo su pelle. per me è stato un sì netto e portandolo lo amo anche di più.

      Elimina
  3. Anonimo11/3/16

    adoro il cedro con il vetiver questo mi sembra molto interessante con la rosa

    RispondiElimina
  4. LucyLuca11/3/16

    mi piace molto byredo e il loro stile

    RispondiElimina
  5. Anonimo11/3/16

    provareeee

    RispondiElimina
  6. Anonimo11/3/16

    non dura niente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quello sulla persistenza della fragranza è un argomento complesso e soggettivo. Un profumo è buono se dura un'eternità? E' pessimo se ha un sillage più lieve ed educato? Beh questione di gusto personale, di tempi, di occasioni, di umore, di... di... e di... chiaro no?

      Elimina
  7. io adoro come scrivi e basta!

    RispondiElimina
  8. Anonimo11/3/16

    certi ricordi sono la vera ricchezza. bellissimo testo.

    RispondiElimina
  9. Anonimo14/3/16

    ma bello dai!!!

    RispondiElimina
  10. Anonimo14/3/16

    quanti profumi hai???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. meno di quelli che vorrei.

      Elimina
  11. Anonimo22/3/16

    regala a nostro padre. molto bella anche per noi femmine cmq

    RispondiElimina