.
.
.
.
.
.

19 dicembre 2015

IL PROFUMO: THE BOTANIST di MiN NEW YORK



MiN NEW YORK
THE BOTANIST
SCENT STORIES VOLUME I
Eau de Parfum

Undici capitoli olfattivi, undici storie narrate sul filo dell'emozione e della memoria. Scent Stories Volume I di MiN New York è la prima esclusiva raccolta di raffinate composizioni olfattive create da Chad Murawczyk e Mindy Yang, coppia di affabulatori di sensi e sensazioni, intriganti educatori dell'olfatto nella cui visione sensuale e, per certi aspetti surreale, mi ritrovo perfettamente. Ed è proprio adesso, qui, in questo spazio di tempo che sigilla un anno, momento di bilanci e desideri da archiviare, promesse di eterni inizi e ritorni, ricerca di motivazioni e slanci nuovi, che prendono forma quei propositi di cambiamento e trasformazione. E' come un seme che viene gettato in una primavera ancora acerba e promettente, pronto a diventare radici, foglie e poi fiori, a disperdersi e ricominciare, sempre, a dispetto del tempo, contro l'abitudine, ineluttabilmente entusiasta. Mi affido alla forza della natura, alle sue parole chiare, alla sua disciplinata consuetudine, al suo amore perpetuo. Mi relaziono con la terra e coi tesori che elargisce, con la sua capacità di accogliere, nutrire, sostenere e incoraggiare la metamorfosi. Nella scia di un'armonia solida, rispettosa, concreta. 
The Botanist, è una fragranza en plein air, un orto, un piccolo giardino botanico nel quale sperimentare la serenità di un contatto stretto con la natura, una serra dove dedicarsi ad innesti, ibridazioni e talee, un luogo dove captare e inventare scie odorose che tracciano rette verticali, dalle radici umide e terrose all'esplosione di petali e corolle, fino al godimento ultimo del frutto, quando i sentori si fanno gioiosi, turgidi e consistenti. Ed è questa la vera esemplare bellezza del jus, non la mera evocazione di un bouquet di fiori e frutti ma la complessità dell'intreccio tra protagonisti, una dimensione insieme partecipativa, che vive del tocco, della presenza, delle cure di un giardiniere meticoloso. Le sue note sono subito invitanti, è come varcare la soglia di un jardin d'hiver accolti da un'infilata di aromi verdi, erbacei, rinfrescanti, tra ghirlande di pampini e grappoli d'uva, ceste di mele e bergamotto appena raccolti. Il percorso prosegue lungo file ordinate di vasi in terracotta dove nel terriccio umido sono appena stati messi a dimora bulbi e semi, gli umori sono pungenti, profondi e densi, combinati, sovrastati dalla sinuosa eleganza di mughetto, rosa, peonia e mantenuti in sospensione dal vigoroso e persistente legame con vetiver, cipresso, muschio e ambra grigia. Seducente, tenero e risoluto, sognante ma con i piedi ben piantati a terra. Il profumo è un'invenzione meravigliosa, umana.
The Botanist fa parte delle undici fragranze che compongono Scent Stories Volume I con: Dune Road, Long Board, Shaman, Momento, Barrel, Magic Circus, Old School Bench, Dahab, Onsen e Moon Dust. Presentate in un pack raffinato e rigoroso con flaconi numerati, realizzati a mano in vetro con una particolare finitura in nero, tappo in legno con calamita e logo inciso sulla sommità. Tutte disponibili nel formato Eau de Parfum 75 e 15 ml. In profumerie selezionate. A Milano presso Atelier Zeitgeist via San Maurilio 18.
©thebeautycove



Il mio incontro con Chad Murawczyk e Mindy Yang è stato una sorprendente rivelazione. Un interessante scambio di vibrazioni positive e la scoperta di un " sentire" molto affine sull'Arte della profumeria. Ecco cosa mi hanno raccontato.

Altre informazioni sull'universo di Min New York nel loro sito 








14 commenti:

ely27 ha detto...

fragranze molto interessanti scoperte a Pitti. Aspetto la serie 2

Anonimo ha detto...

bellissimo tra i mie preferiti con dune road

Anonimo ha detto...

prezzo?

bcteam ha detto...

non pubblichiamo i prezzi dei prodotti. sono visibili sui siti e-commerce. grazie del commento.

Anonimo ha detto...

bellissimo questo un floreale fruttato da risentire

Anonimo ha detto...

non credo li acquisterò visto il costo

Anonimo ha detto...

interessanti da approfondire chi li ha a Roma? Grazie

Anonimo ha detto...

se dovessi sceglierne uno prenderei dahab

Anonimo ha detto...

blog molto interessante. S.A.

daniela terzani ha detto...

sempre curatissimi i tuoi pezzi. un piacere seguire. buon Natale e Felice 2016!

bcteam ha detto...

grazie di cuore. Buon Natale e splendido 2016 a te

Anonimo ha detto...

adoro!! bella descrizione!

Anonimo ha detto...

raffinate ma care

Anonimo ha detto...

da risentire tutti